Blog

Gli Stati Uniti rischiano di innescare una spirale salari-prezzi? È ancora troppo presto per dirlo.

Gli Stati Uniti stanno uscendo con forza dalla recessione causata dalla pandemia da Covid-19, mentre il tasso di vaccinazione sale e gli stati riaprono le loro economie. Con un robusto slancio di crescita arriva la preoccupazione: dopo anni di bassa inflazione, gli investitori e i responsabili politici si trovano di fronte a due mesi consecutivi di CPI superiore al 3%. Finora la Fed ha liquidato la ripresa dell’inflazione come transitoria. Infatti, la maggior parte delle sorprese al rialzo nelle stime CPI sono venute da categorie legate allo stop dovuto al Covid come le auto usate, i biglietti aerei e i mobili per la casa, dove le impennate dei prezzi non continueranno all’infinito. Il vero rischio per questa narrativa di “inflazione transitoria”, tuttavia, verrà probabilmente da un’interazione di aumenti sostenuti nei salari e nelle aspettative di inflazione, comunemente nota come una spirale salari-prezzi. Con i guadagni medi orari che battono consecutivamente le attese e numerose notizie sulla carenza di manodopera, gli Stati Uniti si stanno avvicinando a tale spirale?

L’offerta di lavoro limitata sta spingendo verso l’alto i salari in alcuni settori

Nonostante la forte ripresa ciclica, la crescita dei salari negli Stati Uniti è stata più lenta del previsto: 278 e 559mila posti di lavoro sono stati aggiunti rispettivamente in aprile e maggio, sottoperformando il consenso e lasciando l’economia con 7,6 milioni di posti di lavoro al di sotto del livello pre-Covid. Tuttavia, uno sguardo più approfondito alle statistiche del mercato del lavoro per settore suggerisce che il collo di bottiglia della ripresa dei posti di lavoro è più sul lato dell’offerta che su quello della domanda. 

Un’utile metrica ripresa recentemente da Bullard della Fed è il rapporto tra disoccupazione e posizioni di lavoro aperte. Come mostrato qui sotto, il numero di posti di lavoro aperti rispetto al numero di disoccupati è aumentato nella maggior parte dei settori e ha superato il 100% per la maggior parte dei settori dei servizi. In altre parole, ci sono più offerte di lavoro che disoccupati in tutti i settori, e le aziende stanno lottando per riempire i posti vacanti. Di conseguenza, i salari stanno crescendo più velocemente, come indicato dai movimenti verso l’alto dei tassi di crescita a 3 mesi delle retribuzioni orarie medie.

Questa dinamica tra gli squilibri tra domanda e offerta di lavoro e la crescita dei salari è più pronunciata in settori come il tempo libero e ospitalità, le professioni e i servizi alle imprese, e il settore manifatturiero. In particolare, le retribuzioni orarie medie per i settori tempo libero e ospitalità sono salite del 4% negli ultimi tre mesi, anche se il settore ha ancora 2,5 milioni di buste paga perse che devono ancora essere recuperate. 

Cosa sta frenando l’offerta di lavoro?

Molti hanno attribuito la debole offerta di lavoro disponibile ai sussidi di disoccupazione potenziati, come evidenziato dalla lenta ripresa dei posti di lavoro nel settore a bassa retribuzione del tempo libero e dell’ospitalità, dove gli effetti disincentivanti dei sussidi da 300 dollari a settimana sono i più forti. Di conseguenza, 25 stati hanno già annunciato che termineranno i sussidi a giugno o luglio, prima della scadenza prevista a settembre. Da un lato, la revoca anticipata dei sussidi potrebbe spingere più manodopera a rientrare nella forza lavoro, come segnalato dal breve salto nell’attività di ricerca di lavoro negli stati che hanno fatto gli annunci. È probabile che tale impatto, se c’è, si rifletta nei dati ufficiali a luglio. D’altra parte, un’analisi per stato suggerisce che ci sono altri fattori in gioco oltre ai sussidi di disoccupazione.

Confrontando le traiettorie di ripresa nel mercato del lavoro degli stati che stanno terminando presto i sussidi rispetto a quelli che li termineranno più tardi sembra già esserci una notevole differenziazione. Il numero di dipendenti totali negli stati che stanno terminando i sussidi in anticipo sono in media il -3,6% in meno rispetto ai livelli pre-Covid, rispetto al -7,0% negli stati che stanno terminando i benefici in ritardo, nonostante il più rapido progresso della vaccinazione in questi ultimi.

Guardando più nel dettaglio i dati dei singoli stati, la spiegazione sembra risiedere nelle restrizioni politiche relative al Covid. In generale, gli stati che stanno terminando i sussidi in ritardo hanno adottato un approccio più cauto verso il Covid, imponendo più a lungo restrizioni politiche più severe, come indicato dagli indici di severità delle politiche di Oxford qui sotto. Per esempio, la California e New York, i due grandi stati con il maggior numero di buste paga non recuperate, hanno eliminato la maggior parte delle loro restrizioni Covid solo a metà giugno. Il persistere delle restrizioni e, di conseguenza, la paura residua del Covid hanno probabilmente rallentato anche il ritorno dell’offerta di lavoro.

Come illustrato di seguito, sembra esserci una chiara relazione negativa tra il recupero dei posti di lavoro e le restrizioni politiche. Ci potrebbero essere diversi modi in cui le restrizioni politiche stanno rallentando la ripresa del lavoro. Per esempio, gli stati che hanno mantenuto più a lungo i requisiti di chiusura delle scuole sono spesso anche quelli con una più lenta ripresa del lavoro. La necessità di una maggiore attenzione all’infanzia potrebbe essere stata un ostacolo importante all’offerta di lavoro.

Per riassumere, la maggior parte dei dati suggerisce che l’offerta di lavoro limitata negli Stati Uniti sta guidando una crescita dei salari più rapida del previsto e una ripresa delle buste paga più lenta del previsto. Tuttavia, è ancora troppo presto per dire se una crescita salariale così forte possa continuare, portando a una pressione inflazionistica più persistente. Ci sono ancora diversi impedimenti temporanei alla ripresa dell’offerta di lavoro, che vanno dai sussidi di disoccupazione potenziati alle persistenti restrizioni Covid. È probabile che avremo un’idea migliore delle dinamiche più strutturali del mercato del lavoro solo nei prossimi mesi.

Tao Pan – Head of AI and Big Data, Algebris Investments

L'Algebris Policy & Research Forum (il "Forum") è un think tank no profit nato con lo scopo di promuovere e incoraggiare un'economia forte ed equilibrata in Europa, sulla base di un solido sistema finanziario supportato da un ambiente regolamentare e fiscale trasparente a beneficio delle società nel loro insieme. I risultati delle ricerche dei nostri esperti verranno condivisi con il pubblico, gli enti governativi e non governativi.
Il presente documento è emesso dal Forum e le informazioni e le opinioni contenute ivi hanno solo scopo informativo, non hanno la pretesa di essere complete, non costituiscono consulenza in materia di investimenti e sono del tutto indipendenti dalle attività commerciali di Algebris (UK) Limited. In nessun caso, nessuna parte del presente documento deve essere interpretata come un'offerta o una sollecitazione di offerta di qualsiasi fondo gestito da Algebris (UK) Limited. Queste informazioni non costituiscono una ricerca di investimento, né una raccomandazione di ricerca. Non si può fare affidamento, per nessun motivo, sulle informazioni e sulle opinioni contenute nel presente documento, né sulla loro accuratezza o completezza. Non viene fornita alcuna dichiarazione, garanzia o impegno, esplicito o implicito, in merito all'accuratezza o alla completezza delle informazioni o delle opinioni contenute in questo documento da parte del Forum o di Algebris (UK) Limited, dei suoi direttori, dipendenti o affiliati e nessuna responsabilità viene accettata da tali persone per l'accuratezza o la completezza di tali informazioni o opinioni. La distribuzione di questo documento può essere limitata in alcune giurisdizioni. Le informazioni di cui sopra sono solo a titolo di guida generale ed è responsabilità di ogni persona o persone in possesso di questo documento informarsi e osservare tutte le leggi e i regolamenti applicabili di qualsiasi giurisdizione pertinente.
© 2021 Algebris Policy & Research Forum. Tutti i diritti riservati.